Vai alla pagina di benvenuto

 
 

  
Emigrano i semi sulle ali dei venti, emigrano le piante da continente a continente, portate dalle correnti delle acque, emigrano gli uccelli e gli animali, e, più di tutti, emigra l'uomo ora in forma collettiva, ora in forma isolata, ma sempre strumento di quella Provvidenza che presiede agli umani destini e li guida, anche attraverso le catastrofi, verso la meta, che è il perfezionamento dell'uomo sulla terra e la gloria di Dio nei cieli.

(Scalabrini, 1899)

 
      
  Parola da ascoltare...  
      
       

 
 SPIRITUALITÀ SCALABRINIANA 
 
©2001 MSCS. Tutti i diritti sono riservati. Credits.